BENVENUTI A NUCHIS.

L'Hotel Ristorante Il Melograno è anche un punto di partenza per diverse escursioni con il territorio di Tempio Pausania con visite guidate e itinerari turistici densi di natura e bellezze artistiche.

Nuchis (Nùcchisi in gallurese) è una frazione di 400 abitanti del comune di Tempio Pausania, a 500 metri s.l.m., che sorge nei pressi dei centri di Calangianus e Luras. Circondato da sugherete e formazioni granitiche dalle forme affascinanti è uno dei luoghi più suggestivi dell'Alta Gallura. 
Nonostante sia un piccolo centro conta ben cinque chiese, alcune delle quali antichissime come la chiesa dello Spirito Santo, costruita nel XIII secolo; la chiesa dei Santi Cosma e Damiano risalente al 1529; la Chiesa di Santa Croce del XVII secolo; la Chiesa di Santissimo Salvatore sita davanti al Melograno e la Chiesa del Purgatorio nella parte Bassa del paese. 
Proseguendo dalla Chiesa del Purgatorio lungo la strada si trova la Vecchia Fonte (detta “Funtana d’Jgno”) costruita nei primi del 1800, utilizzata in passato per l’approvvigionamento dell’acqua potabile e il vecchio abbeveratoio.                      

TOMBE DEI GIGANTI

Tumbas de sos gigantes in lingua sarda, sono monumenti funerari costituiti da sepolture collettive appartenenti all'età nuragica (II millennio a.C.), presenti in tutta la Sardegna. Sono delle Costruzioni a pianta rettangolare absidata, edificate mediante dei monoliti di pietra di grandi dimensioni conficcati nella terra. 

Una di queste si trova a circa 2 Km dal Centro di Nuchis, al Bivio ”Nuchis-Tempio/Calangianus” sulla SS127.            



Dista circa 3 km da Nuchis, una località consigliata per una suggestiva passeggiata nel centro storico dove regna il granito. 

Percorrendo il Corso Matteotti troverete il Complesso ecclesiastico della Cattedrale di San Pietro Apostolo, Piazza Mercato, Piazza del Carmine, dove è ubicato l’omonimo Teatro.
Potrete visitare anche il vecchio convento degli Scolopi e Piazza Gallura, sede del Municipio. 

Da vedere inoltre, l'Oratorio del Rosario, Chiesa del Purgatorio, Chiesa di San Francesco, Chiesa di Sant’Antonio, Antico Carcere, la "Rotonda" Ex Carceri, Fonte Nuova, Il Parco delle Rimembranze e il Complesso di San Giuseppe. 

Fonti di Rinagghju, nella parte alta della città, immerse in un parco verde in via delle fonti.

Nuraghe Majori: (Naracu Maiori), SS133 per Palau, a due coni con struttura granitica, risalente al 1000 a.C. presenta una tipologia mista tra l'impianto dei nuraghe a corridoio e di quelli a tholos.

Nuraghe Polcu (Naracu Polcu), SS133 per Palau, uno dei rari esempi di nuraghe a tholos in Gallura.

Per una passeggiata consigliamo un’escursione al Monte Limbara (1359 m), a 16 km a sud della città, raggiungibile dalla SS per Oschiri.


ULIVI MILLENARI A LURAS
In località Santu Baltòlu di Karana, presso la chiesetta di campagna San Bartolomeo, è situato il più vecchio di questi olivastri, che dai luresi viene confidenzialmente e rispettosamente chiamato S'ozzastru.
Esso presenta una circonferenza di 12 metri ed è alto 8 metri. La sua età, secondo alcuni esperti, è stimata
tra i 3.000 ed i 4.000 anni, risultando così uno dei più vecchi d'Europa.
Il sito dista circa 15 km da Nuchis, in direzione Luras.
Nel 1991, questo "patriarca della natura", è stato dichiarato Monumento naturale ed inserito con decreto ministeriale, per la regione Sardegna, nella lista di "venti alberi secolari", uno per ogni regione italiana.


DOLMEN A LURAS
Il Dolmen è un tipo di tomba megalitica preistorica a camera singola e, insieme al sito di Stonehenge in Gran Bretagna, costituisce il più noto tra i monumenti megalitici. La realizzazione dei dolmen viene collocata dalla fine del V millennio a.C. alla fine del III millennio a.C.
Luras, a 3,5 km da Nuchis possiede 4 Dolmen:  

  • Dolmen Ladas (Luras) datato approssimativamente al 3000 a.C..                
  • Dolmen Ciuledda (Luras) ha pianta di forma semicircolare. 
  • Dolmen Alzoledda (Luras) è una struttura tombale di tipo semplice, di forma rettangolare (3500-2700 a.C.).      
  • Dolmen Billella (Luras) (3500-2700 a.C.) a pianta rettangolare.

MUSEO ETNOGRAFICO “SA FEMINA Agabbadora”
Situato al centro del paese di Luras.
Il museo è sempre aperto, anche per un solo visitatore, senza vincoli di orari.


MUSEO DEL SUGHERO CALANGIANUS
Situato nel vecchio convento di San Francesco nel Centro di Calangianus, tramite il museo è possibile conoscere la storia della lavorazione del sughero con vecchie foto, utensili per la lavorazione artigianale e prime macchine industriali.

VISITA AD AGGIUS

Àggju in gallurese, è un comune di 1.585 abitanti a 10 km da Nuchis, considerato uno tra i classici e caratteristici Piccoli Borghi Galluresi.

Al centro del paese potete visitare il MUSEO MEOC: (Museo Etnografico Oliva Carta Cannas) - il più grande in Sardegna, un vero "tesoro" dell’Isola, una struttura suggestiva per l’ampiezza degli ambienti espositivi. L’esposizione museale che racchiude in sé tutta la ricchezza della storia, delle tradizioni e della cultura popolare gallurese, dal 1600 ai nostri giorni.

Nella fedele ricostruzione della “Casa tradizionale” troverete arredi d’epoca e oggetti d’uso quotidiano, un viaggio attraverso i costumi d’epoca magnifici nelle forme e nei colori della festa.        
                                                                  

MUSEO DEL BANDITISMO
Il paese di Aggius è stato l’epicentro del banditismo gallurese per circa tre secoli: dalla metà del Cinquecento, in pieno periodo spagnolo, alla metà dell’Ottocento, sotto la dominazione sabauda.
Questo museo, allestito nel palazzo della vecchia Pretura, è situato nella zona più antica del paese. Il percorso espositivo si articola in 4 sale che accolgono una bella documentazione e oggetti. Una teca è dedicata al bandito aggese Sebastiano Tansu, “il Muto di Gallura” figura che ispirò l’omonimo romanzo di Enrico Costa.     

Consigliata la Sosta al
laghetto di Santa Degna (incantevole angolo di paradiso ricavato nel bosco di Santa Degna), oasi faunistica e attrezzata area pic-nic, fornita di chiosco-bar.

A 3 km da Aggius in Direzione Trinità D’Agultu si può osservare la
 Valle della Luna: o La Piana dei Grandi Sassi, è una scenografica piana dalla quale emergono numerosi ed enormi massi di granito risalenti alle glaciazioni del periodo quaternario, sono poi stati arrotondati e lavorati dall'erosione finendo per avere l'aspetto attuale. 
Si consiglia la visita suggestiva nelle ore serali prima del tramonto dal Belvedere che domina la vallata.

  • Hotel Ristorante Il Melograno
  • V. Vittorio Emanuele
    07029 Nuchis TEMPIO PAUSANIA (OT)
  • hotelilmelograno@t...
  • 079 674043
  • 079 671050
  • 346 0792593